Decreto Rilancio: al via il Superbonus 110%

Dopo giorni di attesa, il tanto agognato Decreto Rilancio è approdato in Gazzetta Ufficiale come Decreto Legge del 19 maggio 2020, n 34, contenente le nuove misure per imprese, famiglie e lavoratori al fine di fronteggiare l’emergenza Covid-19.

Il decreto entra subito in vigore e con esso parte anche il Superbonus, ovvero l’Ecobonus 110% per l’efficientamento energetico degli edifici che potrebbe dare una spinta importante per il rilancio della macchina edile, settore trainante di tutta la nostra economia.

L’articolo del DL Rilancio a esso dedicato è il 119, accompagnato dall’articolo 121 dedicato alla trasformazione delle detrazioni in sconto in fattura e in credito d’imposta cedibile.

Che cos’è il Superbonus 110%?

Stiamo parlando dell’innalzamento delle agevolazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus fino al 110% delle spese sostenute, che prima dell’epidemia da Coronavirus erano giunte a un massimo, rispettivamente, di 75% e 85%. Questa super detrazione fiscale del 110% riguarda le spese documentate e rimaste a carico del contribuente, sostenute dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.

Trattandosi di riqualificazione energetica, per poter fruire del Superbonus è necessario che ci sia il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio, oppure l’acquisizione della classe energetica più alta.

Quali sono gli interventi che rientrano nel Super Ecobonus?

  • Interventi di isolamento termico riguardanti l’involucro dell’edificio, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo. La detrazione si riferisce a un importo massimo di 60.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
  • Interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, a pompa di calore, gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici e relativi sistemi di accumulo. La detrazione si riferisce a un importo massimo di 30.000 euro, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio e riguarda anche le spese per smaltimento e bonifica dell’impianto sostituito.
  • Interventi sugli edifici unifamiliari (adibiti ad abitazione principale) per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, ivi inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici. La detrazione si riferisce a un importo massimo di 30.000 euro ed è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dell’impianto sostituito.

Il superbonus può essere applicato anche ad altri interventi di efficientamento energetico, come la sostituzione degli infissi, ma a condizione che questi vengano eseguiti contestualmente ad almeno uno degli interventi previsti dal decreto Rilancio.

Chi sono i beneficiari dell’Ecobonus 110%

Posso fruire dell’Ecobonus 110% i condomini, le singole unità immobiliari adibite ad abitazione principale, gli Istituti autonomi case popolari (IACP).

Sconto in fattura e cessione del credito

Su tutti i lavori sopra indicati, il contribuente può applicare direttamente in dichiarazione la relativa detrazione prevista, o in alternativa può scegliere tra sconto in fattura e cessione del credito.

Ad ogni modo, bisognerà attendere un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate con le modalità attuative.

Lascia un commento

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.